intestazione

La Bellezza Nascosta

 

Il laboratorio creativo-espressivo si pone come obiettivo principale quello di intervenire sulla dimensione affettivo-relazionale dei giovani attraverso metodologie a mediazione artistica, modulando consapevolezza e intuito, espressività e disciplina.

Usare l’arte significa cercare in sé ciò che si può essere e rappresentarlo all’altro in quel gioco indispensabile chiamato comunicazione. L’espressione creativa permette infatti ai giovani di dare forma e veicolare il loro pensiero, le emozioni, il modo di guardare il mondo e comunicarlo al gruppo. La loro realtà è fatta di pensieri che attraverso questo linguaggio non-verbale possono esistere e trovare forma.

Per gli adolescenti l’esperienza di esprimersi attraverso modalità e tecniche artistiche, se proposta all’interno di un percorso-avventura di conoscenza di sé, diviene un linguaggio condiviso di apertura, di confronto e di integrazione sociale, che permette di favorire non solo la conoscenza e l’accettazione di sé per un miglior rapporto con coetanei, genitori e adulti, ma anche di elevare il livello di comunicazione e comprensione fra il mondo degli adulti e i giovani. Il gruppo sarà l’ambito privilegiato di lavoro, in cui saranno valorizzate l’esperienza concreta, la dimensione creativa, espressiva e comunicativa orientandosi al processo piuttosto che al prodotto finale. Tutto questo avviene in uno spazio protetto, non occasionale, dove i ragazzi possono liberare il potenziale emotivo ed affettivo e stabilire relazioni di fiducia, sostenuti da un facilitatore di questi processi.

Tematiche proposte nelle tre Domeniche

  1. Io che mi guardo dentro. Intimità. Dove nasce la parola “io”? Interiorità. Difendere la propria intimità. Io che dispongo di me. L’intesa.
  2. Emozioni, sentimenti e passioni: una bomba nel cuore. Al cuore non si comanda? Il doping emotivo. Passioni, oltre le emozioni.
  3. Libero di scrivere la mia storia. A proposito di libertà. Libertà e relazioni. Libertà e amore. Libertà e progetto di vita.

  

   

 

QUALCHE FOTO

281_2.jpg
© 2019 Associazione Sottotitolo